France - Educators - Serge Latouche (text)

From Eugad wiki

(Redirected from Latouche Serge - Interview)
Jump to: navigation, search


Reference for EDUCATORS and MEDIA OPERATORS
Conversation with Serge Latouche  at the Seminary "Dare un nome al futuro: sviluppo o decrescita?"  (University of Florence, Italy, 2010), by Wilma Massucco


See also the Degrowth theory


Contents

Who is Serge Latouche

Serge Latouche, Professor of  Economic Sciences at the University of Paris - Sud (France), is an expert of economic and social connections between North and South of the world and the main exponent of the Degrowth theory


Introduction to the article

Let's give a name to the future: Development or Degrowth? Are these two theories, both named to face the most urgent human and environmental issues of our planet, in strong opposition each other or shall we find a point of connection to make the world, through the two different approaches, really sustainable?

Key points of the article

  • The so-called “society of growth” has been inducing Advanced Countries to consume as much as possible, no matter of their real needs. This way of living implies a strong increase of depression, stress, psychosomatic deceases, impoverishment of relational goods, i.e. a general worsening of the quality of our life; and the natural resources of the planet are going to come to an end as well. We, common people, however, usually do nothing to change this style of life as we don’t realize all of that: our brain has been colonized by the religion of the economy of growth.


  • Degrowth (Decrescita in Italian language, in French: décroissance) is a provocative slogan, finalized to point on evidence the absurdity of growth for growth, i.e. infinite growth in a limited world, as it is for the modern rich societies


  • As a matter of fact, the Degrowth movement don’t ask for a reduction of consumptions all over the world. It asks the Advanced Countries to strongly reduced their consumptions (or, better, to consume in a sustainable way), in order to allow the Developing Countries grow more and more (as these last Countries really need to increase their consumptions in order to improve the quality of their life).


  • The Degrowth approach implies a theoretical approach (the so – called 8 R: Re-evaluate, Re-conceptualize, Re-structure, Re-localize, Re - distribute, Reduce, Re - use, Recycle - see for more information the book, by S. Latouche, La scommessa della decrescita) and a political approach (see for more information the book, by S. Latouche, L'invenzione dell'economia). The theoretical approach is revolutionary and aims to a radical change of mind, while the political program is moderate, as it needs compromises – and time - to be applied in the concrete society.


  • A reduction of GDP (Gross Domestic Product, i.e. PIL in Italian language) may be not sufficient to effectively improve the quality of life, of environment , of the relational goods. It’s however a must, to be accompanied with a real change of mind of common people, i.e. the decolonization of brain.


  • The military expenditures have a significant weight on the value of GDP. As consequence, those who - supporting Degrowth - choose to reduce the value of GDP should reduce, firts of all, their military expenditures. Together with the military expenditure we must consider also the costs for citizens security (recently increased a lot after the communication campaigns focused on developing fear among common people). They are both levers which can be used to exercise power on people, and we should reduce both. But then, what about those Countries which, deciding not to reduce their PIL and as consequence not even their military expenditures as well? Will these Countries exercise more power than the Countries which will chooce the Degrowth approach? ..... it's a hard issue


  • The Degrowth theory can’t cooperate with the Sustainable Development theory: for Serge Latouche, Development can’t be sustainable, for definition. It implies growth, however. As consequence, he points on evidence the Degrowth approach just because he wants to intentionally break with the paradigm of Development (no matter of the international imbalance which might derive).



Article, written integral edition- italian language


Dare un nome al futuro: sviluppo o decrescita? (Università di Firenze, 2010)

Sono queste due teorie, Sviluppo e Decrescita, entrambe nominalmente votate ad affrontare le grandi problematiche umane e ambientali del nostro pianeta, in stretta contrapposizione tra loro, o potremo trovare un punto d'incontro che permetta di costruire davvero, attraverso il contributo di entrambi gli approcci, un pianeta migliore?


Incontro con Serge Latouche


Professore emerito di scienze economiche all’Università di Paris-Sud (Francia), specialista dei rapporti economici e culturali Nord-Sud e dell’epistemologia delle scienze sociali, Serge Latouche è il principale esponente della Teoria della Decrescita


di Wilma Massucco


Chiudiamo gli occhi per trenta secondi e pensiamo alle tre cose che augureremmo ai nostri figli o ai nostri nipoti o ai nostri migliori amici. Credo che la maggioranza di noi, almeno così risulta dalle statistiche, abbia pensato a una buona salute, un lavoro dignitoso e pieno di soddisfazioni, un sacco di amici, una vita piena. Bene, se così è, chiediamoci ora in che modo questi parametri si rapportano con la crescita del PIL (Prodotto Interno Lordo), cioè con la crescita di quel parametro che misura il movimento di denaro, e che fino ad oggi è stato considerato dagli economisti come il principale indicatore del benessere ….


Prof. Latouche, cosa intende dire quando afferma che la ricchezza ha un carattere molto più patologico della povertà?
La società della crescita, la società dell’opulenza, ha tradito la sua promessa: non felicità bensì ricerca ossessiva di efficienza, prestazioni, riduzione dei costi, flessibilità, profitto. Una società e un’economia sull’orlo di una crisi di nervi, votati alla
frenetica accumulazione di beni di consumo, a cui si accompagnano aumento dello stress, dell’insonnia, delle turbe psicosomatiche, delle malattie di ogni tipo (tumori, crisi cardiache, allergie varie). A seguire spese di compensazione e di riparazione (medicine, trasporti, svaghi) resi necessari da una vita moderna, in cui i beni relazionali, legati cioè alla qualità delle relazioni umane, si impoveriscono sempre di più. Viviamo in una società che è stata fagocitata da un’economia che ha per unico fine la crescita, all’infinito. Si deve produrre e consumare sempre di più. Produrre per consumare e consumare per produrre. Solo che nel medesimo tempo si distruggono le risorse naturali, che sono infatti in via di esaurimento.



Perché non facciamo nulla per cambiare rotta?
Il problema è che di tutto questo non ci rendiamo conto, perché siamo stati fagocitati dalla “religione della crescita”, il nostro immaginario è stato colonizzato. Per questo motivo nel 2002 abbiamo introdotto la parola decrescita: è uno slogan provocatorio, quasi blasfemo per chi ha fede nella crescita, che vuole far riflettere sull’assurdità della crescita. Se vogliamo essere rigorosi dovremmo parlare di a – crescita (così come si parla di a-teismo). Precisamente si tratta di uscire dalla religione dell’economia, dall’imperialismo della crescita, per diventare degli agnostici, degli ateisti dell’economia.
Quello che dobbiamo fare innanzitutto è Rivalutare . Ovvero cambiare i valori, non solo i valori personali ma anche i valori diffusi ad esempio attraverso i mezzi di comunicazione, in primis quello di fare denaro a tutti i costi, e il più velocemente possibile. Questa è l’etica pubblica del nostro tempo, purtroppo. Distruggere il pianeta il più velocemente possibile, attraverso crescita, crescita, consumo, consumo. Bisogna invece cambiare il nostro rapporto con la natura. L’uomo non è padrone della natura ma fa parte della natura: dobbiamo vivere in armonia con essa invece che sfruttarla senza limiti, dobbiamo comportarci da giardinieri invece che da predatori. Il che si potrebbe assecondare ad esempio attraverso la Rilocalizzazione della produzione: uno yogurt può essere prodotto impiegando il latte della fattoria del vicinato. Non si tratta di consumare meno yogurt. Si tratta di consumare yogurt fatto in altro modo. Se consumiamo a Km zero, allora lo sfruttamento delle risorse naturali si riduce molto (non abbiamo più bisogno di congelare il cibo, di trasportarlo per 8.000 Km).
Dobbiamo anche valorizzare la lentezza invece dell’accelerazione: quindi, ad esempio, rispetto al cibo, contrastare il Fast Food con lo Slow food. Il progetto Slow food fa totalmente parte della decrescita, prodotti stagionali, di ottima qualità, più tradizionali, piuttosto che prodotti fatti male, con troppo zucchero, troppo sale, che portano all’obesità.
Si tratta di decolonizzare, dis-economicizzare il nostro immaginario: il che non è una cosa che si può fare con la presa del Palazzo d’Inverno di Pietrogrado. E’ un processo molto più complicato, è una trasformazione sociale. Siamo entrati nel capitalismo a poco a poco, non da un giorno all’altro, e usciremo sicuramente dal capitalismo, per amore o per forza, ma non lo faremo da un giorno all’altro.


Dunque la decrescita implica l’uscita dal capitalismo?
Ma naturalmente. Crescita e capitalismo sono sinonimi.


Come è attuabile, in concreto, il passaggio da una società votata alla crescita ad una società votata alla decrescita?
Il progetto della Decrescita percorre due livelli: quello della concezione teorica, e quello dell’applicazione sul piano politico. Non offre un’alternativa, ma una matrice di alternative, che devono essere poi contestualizzate, di volta in volta, in funzione della realtà specifica di un certo Paese. Ci sono comunque dei tratti che possono essere comuni a tutte le società, e che possono essere sintetizzati nel percorso di interdipendenza che ho definito delle 8 R (vedi nota a margine). Si tratta di cambiare valori e concetti, mutare le strutture, rilocalizzare l'economia e la vita, rivedere nel profondo i nostri modi di uso dei prodotti, rispondere alla sfida dei paesi del Sud del mondo. Questo è il primo livello, e non basta per essere concreto. Si capisce bene che “cambiare i valori" non può essere l’oggetto di un programma politico. Il progetto, rivoluzionario nella sua concezione teorica, deve essere poi affiancato ad un programma politico (vedi nota a margine), necessariamente riformista, e le cui riforme si devono introdurre a poco a poco. La distinzione tra il progetto ideologico e il programma politico è importante. Il progetto ideologico è di rottura totale, mentre un programma politico può essere realizzato solo attraverso dei compromessi.


Qual è il ruolo dello Stato nel promuovere una politica effettivamente a sostegno della Decrescita?
Come già detto, il progetto della Decrescita è un progetto politico, ma per come conosciamo lo Stato direi che non possiamo avere fiducia in esso. Basta pensare a quello che sta succedendo in Grecia. Il popolo greco ha votato per un programma e si vede imposto un programma totalmente diverso, che non ha scelto. Dobbiamo ricostruire dal basso tutta la politica, e pensare ad un’altra forma di organizzazione sociale, piuttosto che allo Stato, in quanto Stato Nazionale. Per fare questo ci vuole un movimento forte, che possa interpellare i politici, e che possa esercitare un contropotere. Penso che dobbiamo resistere, e fare la dissidenza.


Basta far diminuire la crescita del PIL per far crescere la salute degli ecosistemi, della qualità della giustizia, delle buone relazioni tra i componenti di una società, del grado di uguaglianza, del carattere democratico delle istituzioni? Questi parametri, ripsetto al PIL, sono tra di loro in un rapporto a somma zero o possono essere tra di loro in un gioco a somma positiva?

Anni fa un ex responsabile della Banca Mondiale aveva capito che la crescita del PIL porta alla crescita del benessere materiale, ma oltre un certo valore non porta alla crescita del benessere vissuto. Si guadagna sempre di più ma allo stesso tempo si deve spendere sempre di più per compensare i danni accelerati dalla crescita, e controbilanciare i cosiddetti disturbi della crescita. Ha pertanto avuto l’idea di calcolare ciò che ha chiamato Genuine Progressive Indicator, i.e. indice del progresso autentico o del benessere vissuto. Questo parametro differisce dal PIL per sottrazione delle spese di compensazione e di riparazione, i.e. le spese generate dalla crescita. Si è verificato, per tutti i Paesi che l’hanno calcolato, che questo valore cresce e supera il PIL fino agli anni ’70, ovvero fino al termine dell’era fordista. Poi, negli anni 70, quando cioè si passa al neoliberismo, questo parametro diminuisce e scende, in concomitanza sempre con l’aumento del PIL. Se ne consegue dunque che se riduciamo il PIL il GPI aumenta? Se il PIL decresce tante cose migliorano, ma sicuramente non tutte. Questo non basta. Il progetto della Decrescita va molto al di là di un meccanismo così semplice. Si deve necessariamente cambiare l’immaginario collettivo, questa è la cosa importante.


Per i Paesi in Via di Sviluppo la crescita è un’aspettativa, non è un problema. A questi Paesi cosa diciamo? Smettiamo tutti di crescere?

Abbiamo sentito il bisogno di utilizzare questa parola forte, provocatoria, di decrescita, per liberarci dall’impero dell’economia e per riaprire la strada alla diversità. Con questo non stiamo cercando la decrescita per la decrescita. In realtà tante cose dobbiamo far crescere: qualità della vita, dell’aria, dell’acqua … tutto ciò che è stato distrutto dalla crescita. Non si tratta neppure di dire ai popoli dell’Africa di decrescere: questo sarebbe un’assurdità, loro hanno bisogno di consumare di più per vivere meglio. Si tratta di decrescere noi Paesi occidentali, e di molto anche, per permettere a loro di crescere un po’ e di vivere meglio.


Se un Paese diminuisse la crescita del PIL automaticamente dovrà diminuire le spese militari. Ma se le spese militari di tutti i Paesi non diminuiscono contemporaneamente, succederà che i più potenti militarmente, cioè quelli che decideranno le politiche future, saranno proprio quelli che non avranno rinunciato alla crescita del Pil. Questo non significherebbe che in futuro comanderanno proprio quelli che non rinunceranno alla crescita del PIL?
Sicuramente collettività quali quelle presenti in Bolivia, Ecuador, neo-zapatisti del Messico – hanno bisogno di una forza militare per fare opposizione. Ora quello che vedo di più pericoloso è la militarizzazione della società. Vedo una forma ibrida tra il militare e il poliziotto. Sta avvenendo una “poliziotizzazione” della società, che va di pari passo con la militarizzazione. Mettono avanti l’insicurezza, la paura dell’insicurezza, per rafforzare il controllo sociale e trasformare le cosiddette società democratiche in forme di totalitarismo, di Stato militare. Questo naturalmente è una grande sfida. Ma non ho la soluzione a tutti i problemi del mondo ...


Non sarebbe meglio mettere l'accento sulla Partnership mondiale per lo sviluppo sostenibile e sulla rigenerazione delle risorse umane, sociali e ambientali dove è più facile costruire collaborazioni, invece che porre l'accento sulla "decrescita" , il che potrebbe invece provocare squilibri internazionali?
Non si può fare compromesso con lo Sviluppo sostenibile. Perché lo Sviluppo non è sostenibile. Lo sviluppo impone una crescita, e la crescita è sempre infinita. Bisogna parlare di decrescita proprio per uscire da questo paradigma.


La Teoria della Decrescita usa l’emblema della chiocciola ….
….. perché la chiocciola ha una lezione da insegnarci. La chiocciola costruisce la delicata architettura del suo guscio aggiungendo una dopo l’altra delle spire sempre più larghe. Poi, ad un certo punto, inverte bruscamente la rotta e inizia a costruire delle spirali decrescenti. Una sola spirale più larga darebbe al guscio una dimensione sedici volte più grande, e questo, invece di contribuire al benessere dell’animale, lo graverebbe di un peso eccessivo. Superato il punto limite dell’ingrandimento delle spire, i problemi della crescita eccessiva si moltiplicherebbero in progressione geometrica mentre la capacità biologica della lumaca potrebbe seguire soltanto, nel migliore dei casi, una progressione aritmetica. Lo stesso vale per il pianeta Terra e la società della crescita: il divorzio della chiocciola dalla ragione geometrica ci mostra una via per pensare ad una società della decrescita. Possibilmente serena e conviviale.



  • Decrescita - definizione
La Decrescita è un movimento politico, economico e sociale basato su idee ambientaliste, anti-consumistiche e anticapitaliste, secondo il quale la crescita economica - intesa come accrescimento costante di uno solo degli indicatori economici possibili, il Prodotto Interno Lordo (PIL) - non è sostenibile per l'ecosistema della terra. Questa idea è in completo contrasto con il senso comune politico corrente, che pone l'aumento del livello di vita rappresentato dall'aumento del PIL, come obiettivo di ogni società moderna.
I pensatori e gli attivisti della Decrescita sostengono che il sovra consumo dei Paesi ricchi, basato per lo più su produzioni globalizzate (cioè non locali), sia alla radice delle problematiche ambientali di lungo termine e delle grandi diseguaglianze sociali, e per questo ritengono necessario da un lato ridurre i consumi dei Paesi ricchi e dall’altro optare verso un modello di consumo sostenibile, basato cioè sull’impiego di risorse locali e di produzioni realizzate sul posto, i.e. a km zero. Si tratta in sostanza di promuovere un nuovo stile di vita, che non comporterebbe però un martirio individuale e la riduzione del benessere. Al contrario, la felicità e il benessere aumenterebbero, proprio perché riducendo i consumi e il tempo dedicato al lavoro, si potrebbe dedicare più tempo all’arte, alla musica, alla famiglia, alla cultura e alla comunità.
  • Decrescita – Progetto teorico - articolato da Serge Latouche nelle 8 R : Rivalutare, Riconcettualizzare, Ristrutturare, Rilocalizzare, Ridistribuire, Ridurre, Riutilizzare, Riciclare. Per maggiori approfondimenti vedi: La scommessa della decrescita, S. Latouche, Ed. Feltrinelli, 2007


  • Decrescita - Programma politico - articolato da Serge Latouche in 10 punti : Ritrovare un’impronta ecologica sostenibile; Ridurre i trasporti; Rilocalizzare le attività; Restaurare l’agricoltura contadina; Ridurre il tempo di lavoro; Stimolare i beni relazionali; Ridurre lo spreco di energia; Ridurre lo spazio pubblicitario; Rivalutare la ricerca tecnico – scientifica; Riappropriarsi della moneta.  Per approfondimenti vedi L’invenzione dell’economia, S.Latouche, Ed. Bollati Boringhieri, 2010





Article, pdf version

Click here

Interview, video on YouTube, Italian language

Basta far diminuire la crescita del PIL per far crescere la salute degli ecosistemi, della qualità della giustizia, delle buone relazioni tra i componenti di una società, del grado di uguaglianza, del carattere democratico delle istituzioni? Questi parametri, rispetto al PIL, sono tra di loro in un rapporto a somma zero oppure possono essere in un gioco a somma positiva?

{{#ev:youtube|fr0by0W6p9Q|200}}


Non sarebbe meglio mettere l'accento sulla Partnership mondiale per lo sviluppo sostenibile e sulla rigenerazione delle risorse umane, sociali e ambientali dove è più facile costruire collaborazioni, invece che porre l'accento sulla "decrescita" , il che potrebbe provocare squilibri internazionali?





{{#ev:youtube|RT5BFnrFNmw|200}}



Qual è il ruolo dello Stato nel promuovere una politica effettivamente a sostegno della Decrescita?






{{#ev:youtube|52eCGr0tdok|200}}



Se un Paese diminuisse la crescita del PIL automaticamente dovrà diminuire le spese militari. Ma se le spese militari di tutti i Paesi non diminuiscono contemporaneamente, succederà che i più potenti militarmente, cioè quelli che decideranno le politiche future, saranno proprio quelli che non avranno rinunciato alla crescita del Pil. Questo non significherebbe che in futuro comanderanno proprio quelli che non rinunceranno alla crescita del PIL?

{{#ev:youtube|O0XFViTPk_o|200}}




Other Resources- Books by Serge Latouche

 


Other Resources

Degrowth (in French: décroissance, in Italian: decrescita) is a political, economic, and social movement based on environmentalist, anti-consumerist and anti-capitalist ideas. Degrowth thinkers and activists advocate, in the rich Countries, for the downscaling of production and consumption—the contraction of economies—together with a sustainable way of consumption, based on the use of local resources and on the relocation of production itself. In their opinion the current overconsumption of rich Countries, based on globalized (i.e. not local) productions, lies at the root of long term environmental issues and social inequalities. Key to the concept of degrowth is that reducing consumption and introducing a sustainable consumption do not require individual martyring and a decrease in well-being. Rather, 'degrowthists' aim to maximize happiness and well-being through non-consumptive means—sharing work, consuming less and better, while devoting more time to art, music, family, culture and community.


Related to the Degrowth theory, read the books written by Serge Latouche - italian language:

  • La scommessa della decrescita, S. Latouche, Ed. Feltrinelli, 2007 - It deepens the Degrowth theory from the point of view of the theoretical approach, as it is defined by Serge Latouche with the so-called 8 R : Re-evaluate, Re-conceptualize, Re-structure, Re-localize, Re - distribute, Reduce, Re - use, Recycle
  • L’invenzione dell’economia, S.Latouche, Ed. Bollati Boringhieri, 2010 - It deepens the Degrowth theory from the point of view of the political program
Image:Media.png

Read the book - italian language: L'invenzione dell'economia, Serge Latouche, Bollati Boringhieri, 2010: http://www.bollatiboringhieri.it/scheda.php?codice=9788833920450

Read the book - italian language: La scommessa della decrescita, S. Latouche, Ed. Feltrinelli, 2007 - http://www.lafeltrinelli.it/products/9788807171369/La_scommessa_della_decrescita/Serge_Latouche.html




Link to Issues

This interview - Reference (35) in List of references for link to Manuals, has provided useful information, linked to the following Issues:


What are the factors establishing coherence for development?

According to you what are the factors/persons/groups that may contrast the diffusion of the manuals we are preparing? Why will they contrast? What are their interests at stake?



Link to Manuals

This interview - Reference (35) in List of references for link to Manuals, has provided useful information, linked to the Manuals, to the following Chapters:










Personal tools